I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Al via i lavori per l’Endoscopia Digestiva, il nuovo Gruppo parto e la PMA: continua l’ammodernamento dell’Ospedale di Chioggia

Al via i lavori per l’Endoscopia Digestiva, il nuovo Gruppo parto e la PMA: continua l’ammodernamento dell’Ospedale di Chioggia

venerdì 13 Marzo 2020
Continuano i lavori di ristrutturazione e ammodernamento dell’Ospedale di Chioggia della Ulss 3. Dopo la recente inaugurazione del nuovo reparto di Oncologia e dell’attivazione dell’Ospedale di Comunità, ora i lavori sono concentrati al secondo e terzo piano dell’Ospedale, precisamente per la ristrutturazione del servizio di endoscopia digestiva e per la realizzazione del nuovo gruppo parto, dotato di sala travaglio con vasca per le donne che desiderassero provare l’esperienza a Chioggia di partorire in acqua, e del centro di Procreazione Medicalmente Assistita. Il finanziamento regionale per le nuove opere è di 1 milione e 200mila euro. I lavori saranno completati entro fine anno.

SECONDO PIANO: RISTRUTTURAZIONE SERVIZIO DI ENDOSCOPIA DIGESTIVA
Il nuovo servizio ha una superficie complessiva di circa 445 mq e sarà realizzata sull’attuale area del servizio endoscopico, momentaneamente trasferito al piano primo per consentire l’esecuzione dei lavori.
La ristrutturazione, che permetterà una migliore riorganizzazione del servizio, prevede innanzitutto la realizzazione di una sala di attesa per gli utenti esterni con relativo bancone per l’accettazione. La parte più prossima all’ingresso sarà destinata allo studio del responsabile, il Dottor Cavallarin, ad un’ampia sala con sei posti (quattro in poltrona e due letti) per i trattamenti infusivi attualmente eseguiti in più parti dell’ospedale, ai servizi ambulatoriali con due ambienti dedicati per l’endoscopia e un ampio ambulatorio per l’ecografia interventistica. L’attività “interventistica” di endoscopia digestiva sarà svolta in due sale attrezzate e posizionate in modo tale da condividere un locale per la disinfezione e il lavaggio degli strumenti. Alle sale per endoscopia sono funzionalmente correlate la sala per l’osservazione dei pazienti in fase di induzione e risveglio, dotata di quattro posti letto e un ambulatorio per il colloquio e la refertazione, in cui si potranno accogliere gli assistiti prima e dopo l’erogazione delle prestazioni specialistiche. Tra le sale di endoscopia e quella della osservazione dei pazienti, ci sarà un locale destinato alla caposala, con ampie vetrate che consentiranno un monitoraggio visivo delle due sale per i trattamenti infusivi e per l’induzione/risveglio.
L’endoscopia è l’esame delle strutture interne mediante una sonda di esplorazione flessibile (endoscopio). L’endoscopia può inoltre essere utilizzata per il trattamento di numerosi disturbi, poiché consente il passaggio di strumenti attraverso il tubo. Una volta introdotto attraverso la bocca, l’endoscopio può essere utilizzato per esaminare esofago (esofagoscopia), lo stomaco (gastroscopia) e una parte dell’intestino tenue (endoscopia gastrointestinale superiore). Se introdotto nell’ano, può essere utilizzato per esaminare il retto (anoscopia), la parte inferiore dell’intestino crasso, il retto e l’ano (sigmoidoscopia) o tutto l’intestino crasso, il retto e l’ano (colonscopia).

TERZO PIANO: BLOCCO PARTO E PMA
Il nuovo servizio ha una superficie di 430 mq, di cui 315 per il nuovo gruppo parto e 115 per la Procreazione Medica Assistita, prevista dalle ultime schede ospedaliere regionali.
Il terzo piano è attualmente occupato dal Blocco Parto in dotazione all’Unità di Ginecologia e Ostetricia., che comprende tre studi medici, tre ambulatori, una sala parto con annesse la sala travaglio e quella neonatale, e la sala operatoria dedicata, con adiacente disimpegno attrezzato per l’induzione e il risveglio. Il reparto si presenta quasi tutto in area sterile, essendo esterna ad essa solo l’attesa, con l’annesso servizio igienico e l’adiacente ambulatorio per il monitoraggio delle partorienti.
L’intervento prevede di riorganizzare gli spazi con l’inserimento della PMA e della “Casa Parto” per garantire alle donne un servizio più efficace e di qualità.
Nella “Casa del Parto” si riprodurrà un ambiente più domestico, attrezzato per la temporanea presenza di familiari: con la dotazione di una piccola cucina, un divanetto con Tv. Inoltre, questa “Casa”, oltre ad avere la canonica poltrona travaglio e parto, sarà attrezzata con vasca per il parto in acqua. Tra la sala travaglio-parto e la “Casa del Parto”, entrambe servite dal locale igienico dedicato, sarà inserita l’isola neonatale con possibile collocazione di due culle termiche e una incubatrice neonatale. Va evidenziato che l’attuale sala operatoria non sarà oggetto di particolari cambiamenti strutturali se non nell’accesso, il quale sarà spostato per dar luogo ad un filtro d’ingresso con funzione di area induzione-risveglio.
Il nuovo centro di Procreazione Medicalmente Assistita sarà collocato nella parte iniziale del Blocco Parto e comprenderà un laboratorio di PMA con le specifiche dotazioni impiantistiche, un ambulatorio chirurgico e il locale per la Crioconservazione.

 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito