I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > La 1° Giornata della Salute del 2017 si presenta nell’Ospedale di Dolo ed è dedicata agli screening oncologici

La 1° Giornata della Salute del 2017 si presenta nell’Ospedale di Dolo ed è dedicata agli screening oncologici

lunedì 13 Febbraio 2017
“Screening: detective amici contro il tumore”: la prima Giornata della Salute del 2017 della Ulss 3 Serenissima, dedicata agli screening oncologici, è prevista nell’Ospedale di Dolo (sala del monoblocco nuovo, piano -1), mercoledì 15 febbraio alle ore 17.00.
L’iniziativa è gratuita e rivolta ai cittadini che, in quella occasione, avranno a disposizione alcuni professionisti dell’Ulss pronti a ricordare e ad illustrare l’efficacia degli screening oncologici e l’importanza di parteciparvi. Sono tantissime le persone, infatti, che “devono la vita” agli screening: sono salve perché hanno aderito allo screening eseguendo un esame quando pensavano di essere sane ed invece stavano già subendo l’aggressione silenziosa della malattia.
I relatori sono: Renato Marin, Responsabile Gastroenterologia ed Endoscopia di Dolo; Andrea Bruscagnin, Direttore Uoc Radiologia; Nicola Bragato, Responsabile Senologia - Chirurgia Dolo; Giovanna Calzà, Ginecologa Referente per Il Secondo Livello dello Screening Cervicale; Adriana Montaguti, Dipartimento di Prevenzione - Responsabile Screening Oncologici; Federica Boin, Dirigente Medico Dipartimento di Prevenzione
“L’adesione dei nostri cittadini al programma di screening regionale -  ha spiegato la referente screening per il Distretto Mirano Dolo, la dottoressa Adriana Montaguti – in questo territorio, dà molta soddisfazione: come nel 2015, anche nel 2016, infatti, l’adesione agli screening oncologici ha superato gli obiettivi regionali. E’ importante non abbassare la guardia e continuare a lavorare, soprattutto con la corretta informazione, nella promozione alla prevenzione”.
Gli obiettivi regionali degli screening oncologici prevedono che per quello mammografico si arrivi all’80% dell’adesione, che per quello del colon retto al 65% e quello della cervice al 60%. Percentuali che vengono nettamente superate nel 2016, con un risultato molto buono per lo screening del colon, che storicamente (non solo per questa Azienda) è quello più problematico nella partecipazione: per il colon si è raggiunto, infatti, il 67% (contro il 65,4% del 2015) di adesione, per il mammografico l’81,2% (79,9% nel 2015) e, infine, per quello della cervice il risultato è stato del 61,7% (59,5% nel 2015).
Gli screening oncologici coinvolgono oltre 180mila persone nel Distretto di Mirano Dolo: 77mila sono le donne dai 25 ai 64 anni che vengono invitate entro i tre anni per il tumore alla cervice, quasi 41mila per il mammografico le donne dai 50 ai 74 anni entro i due anni e, infine, circa 71mila gli uomini e donne dai 50 ai 69 anni per il tumore al colon.
Gli screening sono gratuiti e si accede tramite invito che l'Ulss spedisce direttamente a casa dell'interessato (nella lettera sono evidenziati giorno e ora per eseguire l'esame per quanto riguarda lo screening mammografico e della cervice e un numero di telefono per chi avesse bisogno di cambiare data o di ricevere altre informazioni). In questo territorio gli screening oncologici sono attivi da circa venti anni. Due anni fa, inoltre, è stato attivato anche il test dell’HPV, test più protettivo e più a lungo rispetto al tradizionale pap test.
“Alcune malattie, pur preoccupandoci, possono essere diagnosticate tempestivamente proprio grazie agli screening – ha concluso il DG della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – e, quando vengono scoperte presto, si può intervenire più efficacemente, con risultati molto buoni. A fianco alla cura, quindi, ricordiamoci della prevenzione che significa partecipare a questi programmi gratuiti, ma anche agire quotidianamente in maniera sana facendo movimento, evitando di fumare ed eliminando i cosiddetti cibi spazzatura”.
Condividi questa pagina:
Documenti allegati
Ricerca nel sito