I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Giornata delle “Cardiologie Aperte” di Mirano

Giornata delle “Cardiologie Aperte” di Mirano

giovedì 16 Febbraio 2017
foto_gruppo_cardiologia aperta_mirano.jpgDuecento cittadini alla giornata delle “Cardiologie Aperte” di Mirano, trenta dei quali a rischio cardiologico, subito sottoposti anche a visita cardiologica completata da elettrocardiogramma.

L’evento, organizzato oggi, giovedì 16 febbraio, dall’Associazione Cuore Amico Mirano onlus assieme al Dipartimento Cardiovascolare e a quello della Prevenzione della Ulss 3 – Distretto Mirano Dolo e promosso dall’Anmco, è proposto in questo territorio da ormai quindici anni e rimane uno dei momenti più attesi dalla popolazione, che risponde ogni anno con una importante adesione. In questa occasione, infatti, viene messa in campo una vera e propria “task force” per la salute del cuore: volontari, medici, infermieri. Tutti schierati al piano terra dell’Ospedale di Mirano, dove sono ubicati gli ambulatori cardiologici, per fornire informazioni sui corretti stili di vita ed eseguire una serie di esami utili per lo screening dei fattori di rischio coronarico (misurazione della glicemia, del colesterolo e della pressione e la valutazione della presenza di fibrillazione atriale). Ad aprire la Giornata, il direttore generale Giuseppe Dal Ben, che è passato nei locali di screening con alcuni rappresentanti delle istituzioni (il sindaco di Mirano Maria Rosa Pavanello, il sindaco di Noale Patrizia Andreotti, il sindaco di Spinea Silvano Checchin, il sindaco di Santa Maria di Sala Nicola Fragomeni, il sindaco di Martellago Monica Barbiero) per salutare gli operatori in campo e i cittadini che hanno aderito alla iniziativa gratuita.

“Siamo anche noi responsabili della nostra salute – ha ricordato Dal Ben – e possiamo davvero fare la differenza se ci comportiamo bene mangiando sano, muovendoci quando è possibile senza mezzi automatici, evitando alcol e la sigaretta. Accanto a queste accortezze che dipendono da noi, poi aggiungiamo il grande e prezioso lavoro degli operatori sanitari e dei volontari di Cuore Amico col loro presidente Nicolò Cammarata, sempre in prima linea sulla prevenzione”. Per questa iniziativa erano operativi dieci volontari di Cuore Amico, sei infermieri della Cardiologia coordinati dal caposala Francesco Ceccato e tre infermieri della medicina dello Sport, tutti a titolo volontaristico, fuori cioè dall’orario di lavoro. Presenti il primario Salvatore Saccà, il responsabile degli ambulatori di Cardiologia Marco Michieletto, il responsabile della Riabilitazione cardiovascolare Albino Zanocco, il responsabile del Dipartimento cardiologico e primario della Cardiologia di Dolo Daniele D’Este, il responsabile della Medicina sportiva Franco Giada, un referente della prevenzione Damiano Dalla Costa.  

I NUMERI. Ogni mese, nella Cardiologia di Mirano, vengono eseguiti circa 150 elettrocardiogrammi (escluse le emergenze). All’anno si registrano 2400 procedure tra diagnostica ed interventistica. Dal primo gennaio al 30 novembre 2016 si contano 472 procedure di interventistica vascolare e carotidea e circa 800 di coronarica. Per la Elettrofisiologia, tra impianti e sostituzioni di pacemaker, ne sono stati eseguiti 315 a cui si aggiungono 80 interventi tra impianti e sostituzioni di defibrillatori. Più 60 ablazioni di fibrillazione atriale (si blocca la fibrillazione con l’alta temperatura o la bassa). Si contano, inoltre, 500 casi (152 in reperibilità) di infarto e/o sindromi coronariche acute.
Si ricorda che il malato cardiovascolare è preso in carico a 360° dal Dipartimento Cardiovascolare del Distretto di Mirano Dolo e questo significa che prima di essere dimesso, viene valutato dal cardiologo che decide se inviarlo poi a Noale in Medicina dello Sport e Cardiologia riabilitativa per cominciare il percorso di riabilitazione cardiologica (con ottimizzazione dei fattori di rischio e della terapia farmacologica, valutazione dietologica e psicologica, esercizio fisico adattato nella palestra medica).  
Cuore Amico è un importante supporto alla prevenzione: l’associazione svolge diverse iniziative gratuite ogni anno dove vengono controllate circa 3000 persone.
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito