I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > La storia fantastica del “Libro della Giungla”, immerso nelle Ville venete, diventerà protagonista delle pareti della Pediatria di Dolo grazie agli studenti del Liceo Guggenheim di Venezia

La storia fantastica del “Libro della Giungla”, immerso nelle Ville venete, diventerà protagonista delle pareti della Pediatria di Dolo grazie agli studenti del Liceo Guggenheim di Venezia

giovedì 23 Gennaio 2020
Chi tra i bambini non ha letto il libro o non ha visto il film del “Libro della Giungla”? Sicuramente sono molti i bambini che conoscono la storia fantastica che racconta di un orfano, Mowgli, cresciuto nella giungla da lupi, orsi e pantere e che un giorno deve decidere se abbandonare la foresta per far ritorno nel mondo degli umani. E sicuramente anche alcuni piccoli ospiti della Pediatria dell’Ospedale di Dolo conoscono questa storia e, pertanto, per loro sarà sicuramente piacevole, meglio ancora entusiasmante, ritrovarla dipinta sulle pareti del reparto ospedaliero della Riviera del Brenta, soprattutto perché contestualizzata in questo territorio con la presenza delle Ville Venete. Tutto questo sarà possibile grazie alla collaborazione che si è instaurata tra la Direzione della Ulss3 Serenissima ed il Liceo Artistico Michelangelo Guggenheim di Venezia dove, ben diciassette studenti, guidati dal professore in discipline pittoriche, Maurizio Favaretto, hanno preso in mano colori e pennelli per cambiare il volto della Pediatria di Dolo, diretta dalla dottoressa facente funzioni primario Anna Licursi.
Gli studenti, che hanno iniziato da pochi giorni il lavoro in Pediatria a Dolo, continueranno soprattutto nei week end a disegnare e colorare, terminando il lavoro e restituendo con uno spirito fantastico il reparto pediatrico ai piccoli pazienti, presumibilmente verso la metà del mese di febbraio. Insieme al loro maestro, il professor Favaretto, hanno illustrato al Direttore Generale Giuseppe Dal Ben le modalità tecniche utilizzate per decorare il reparto: “Dopo aver eseguito in classe i disegni a misura reale, li abbiamo ‘bucati’ lungo le linee e riportati in parete con la tecnica dello spolvero. Ci siamo divisi in più squadre per affrontare contemporaneamente più immagini. Abbiamo usato colori acrilici che ben hanno aderito a un fondo di cartongesso sano e asciutto. La tecnica prevedeva sia interventi a tinta piatta che sfumature e finti rilievi pittorici. Alla fine del lavoro stenderemo una mano di vernice liquida”.
“Un lavoro meraviglioso – ha dichiarato il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – i cui buonissimi risultati li abbiamo assaporati da vicino già con la Pediatria dell’Ospedale Civile di Venezia, dove questi giovani artisti hanno dato il meglio di sé rappresentando la storia fantastica di Peter Pan. Cerchiamo, anche grazie all’impegno valido e importante dei cittadini (che possono essere rappresentati da associazioni, imprenditori, volontari o, in questo caso da altre istituzioni come la scuola), di rendere gli ambienti ospedalieri più accoglienti, cercando di rendere meno pesante il ricovero e di far sentire come a casa propria i pazienti, in modo particolare quelli più fragili come in questo caso i bambini”.
“L’alternanza scuola-lavoro (oggi definita come Percorsi per le Competenze Trasversali e per l'Orientamento), nell’ambito della quale si sono svolti i lavori per la decorazione pittorica del reparto di Pediatria di Venezia ed ora di Dolo, - ha detto la Preside del Liceo Guggenheim Cecilia Martinelli - rappresenta uno dei punti di forza del nostro Istituto e consentono ai nostri studenti di vivere esperienze professionalizzanti e costruirsi un ricco portfolio di competenze, incidendo positivamente sul nostro territorio con interventi di alto valore sociale e civico. Ritengo che questo sia il modo migliore di educare i giovani alla cittadinanza attiva e alla consapevolezza della funzione sociale della creatività”.
Oltre all'impegno volontario dei ragazzi e del professore, hanno fattivamente contribuito alla realizzazione del progetto l'Associazione GeniAttori di Dolo che, tramite la figura di Andrea Bergamo (già promotore di donazioni che hanno riguardato la Pediatria di Dolo), hanno provveduto a fornire il materiale occorrente per la pittura e PAm PAnorama che ha messo a disposizione dei ragazzi i biglietti per il trasporto urbano da Venezia Mestre a Dolo.

 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito