I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Piani di Zona dell'Ulss 3 Serenissima: si avvia la ridefinizione della "mappa" dei servizi sociali nei diversi ambiti territoriali

Piani di Zona dell'Ulss 3 Serenissima: si avvia la ridefinizione della "mappa" dei servizi sociali nei diversi ambiti territoriali

giovedì 28 Novembre 2019
A dieci anni dalla progettazione dei precedenti “Piani di Zona”, tutti i Comuni del territorio dell’Ulss 3 Serenissima si incontrano con l’Azienda sanitaria per cominciare a disegnare il nuovo “Piano di Zona” delle diverse aree territoriali: “Si ridefinisce in ogni ambito locale – spiega il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima Giuseppe Dal Ben – la nuova mappa dei servizi alla persona, il nuovo ‘piano regolatore’ delle politiche sociali. Collaborano, nella riformulazione del ‘Piano di Zona’, i tre soggetti che, nelle varie aree territoriali, sono il motore dei servizi, e cioè l’Azienda sanitaria, le Amministrazioni civiche e le Associazioni e gli enti che poi concretamente sono i protagonisti delle attività delle proposte alla cittadinanza. Insieme svolgeranno nei prossimi mesi un lavoro di programmazione fondamentale, perché orienterà le politiche sociali di ogni territorio, e di conseguenza di ogni singolo Comune, per il prossimi anni”.
Disabilità, anziani, minori e famiglia, povertà, salute mentale e dipendenze sono i settori delle politiche di welfare che vengono regolamentate proprio dal "Piano di Zona", per venire poi correttamente attuate con l'Azienda socio-sanitaria di riferimento e con tutti i soggetti che operano nei diversi ambiti.
La regia del processo che porterà alla stesura dei nuovi “Piani di Zona” è posta in capo ai Comitati dei Sindaci delle diverse aree territoriali, supportati dalla Direzione dei Servizi Socio-sanitari dell’Ulss 3. L’avvio di questo vasto impegno programmatorio è fissato per venerdì 29 novembre: “Si svolge venerdì. alla presenza di Sindaci, Assessori, responsabili, operatori e volontari dei servizi sociali – spiega il Direttore dei Servizi Socio-sanitari dell’Ulss 3, Gianfranco Pozzobon – il momento comune di apertura del percorso. Le linee guida regionali sui 'Piani di Zona' costituiranno il punto di partenza da condividere e porre come riferimento per la pianificazione successiva, la quale si sposterà poi al livello dei singoli Comitati dei Sindaci e dei singoli territori: prevediamo alcuni mesi di tavoli locali, con l'obiettivo che i nuovi 'Pianidi Zona' entrino in vigore, come indicato, nel 2021".
L'incontro si svolge, con inizio alle ore 9.00, all'Auditorium del Centro Servizi della Città Metropolitana in via Forte Marghera a Mestre.
Dopo i saluti introduttivi, apre i lavori la relazione "Tradizione e innovazione: scenari possibili per il welfare Veneto", affidata a Maristella Zantedeschi, del Centro Governance & Social Innovation - Fondazione Università Ca' Foscari. Sarà poi il dottor Gianfranco Pozzobon, Direttore dei Servizi Socio-Sanitari dell'Ulss 3 Serenissima, a presentare "Il nuovo Piano di zona: significati e finalità della programmazione locale". A seguire la relazione "Inclusione sociale: una nuova prospettiva del Piano di zona", di Maria Rosa Pavanello, Sindaco di Mirano e già Presidente ANCI Veneto. I lavori poi proseguono con la Tavola rotonda "Gli sguardi di chi abita il territorio come base per la programmazione del sistema di welfare locale", coordinata da Stefania Porchia, Centro Governance & Social Innovation della Fondazione Università Ca' Foscari.  
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito