I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Ulss 3, nuove "schede": 59 posti letto in più per l’area ospedaliera e 153 per le strutture intermedie

Ulss 3, nuove "schede": 59 posti letto in più per l’area ospedaliera e 153 per le strutture intermedie

mercoledì 15 Maggio 2019
“Le nuove ‘schede’ ospedaliere hanno tenuto conto della evoluzione demografica (meno nascite e aumento della popolazione anziana) ed epidemiologica (più malati cronici e fragili). Vanno lette pari passo col nuovo Piano Socio Sanitario dove, rispetto al passato, viene accorciato il percorso tra ospedale e territorio: gli ospedali, con le cure sanitarie, non sono realtà a sé stanti, ma vanno considerati insieme alle cure intermedie, alle cure territoriali e alle cure residenziali. Infine, il confronto con la situazione precedente va fatta tenendo conto della nuova programmazione con quanto effettivamente è presente negli ospedali”. Queste le premesse evidenziate dal Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben questa mattina, mercoledì 15 maggio, nella conferenza stampa tenuta nella sede centrale di Mestre sulla presentazione delle nuove “schede” ospedaliere.
Le nuove schede recepiscono la classificazione degli ospedali prevista dal Decreto ministeriale n.70 per cui l’Ospedale di Mestre è confermato come struttura ospedaliera di secondo livello, mentre gli altri di Venezia, Dolo, Mirano e Chioggia come strutture ospedaliere di primo livello.

Entrando nello specifico nella nuova programmazione va detto che nella Ulss 3 sono previsti 2213 posti letto con un aumento rispetto a quelli attuati di ben 59 unità in più. Di questi 2213 posti, 1681 sono pubblici, mentre 532 sono privati convenzionati, il che evidenzia come il sistema sanitario regionale veneto sia fortemente pubblico e integrato con quello privato convenzionato. I posti letto che aumentano sono quelli dell’area chirurgica e della riabilitazione, mentre diminuiscono quelli dell’area materno-infantile proprio per quella analisi demografica che è stata tenuta conto dalla nuova programmazione e che evidenzia una diminuzione delle nascite (a Dolo c’è un tasso di occupazione nella Ginecologia e Ostetricia del 33%).

Complessivamente, nella Ulss 3 sono previsti 266 posti letto di strutture intermedie (ovvero 153 in più rispetto alla situazione attuale) tenendo conto dei posti letto pubblici e privati convenzionati. Si ricorda che fino ad oggi la Ulss su questo tema non è rimasta ferma, ma ha lavorato costantemente tanto che ad oggi sono attivi nel territorio veneziano 113 posti letto. Per quanto riguarda i posti letto delle strutture intermedie previsti a gestione diretta dalla Ulss 3, le nuove schede ne evidenziano ben 139 posti letto (118 in più rispetto alla situazione precedente): 100 di Ospedale di Comunità, 24 di Unità Riabilitativa Territoriale e 15 di Hospice. Sono previste nella Ulss 3 Serenissima 97 apicalità. 
 
Continuando il confronto tra la nuova programmazione regionale e quanto è presente e attuato negli ospedali della Ulss 3 si evidenzia, per Distretto, quanto stabilito:  
- Nel Distretto del Veneziano sono previsti 907 posti letto (597 a Mestre e 310 a Venezia), confermando una situazione di stabilità per questo Distretto. A questi si aggiungono i posti letto delle strutture intermedie che prevedono per Venezia 24 posti letto di Ospedale di Comunità. A Mestre sono previste 41 apicalità, mentre a Venezia 15. Va infine segnalata, sempre a Venezia, la convenzione con l’Università di Padova per l’audiologia.
Le novità emergono negli altri Distretti di Mirano Dolo e di Chioggia. 
- Nel Distretto di Mirano Dolo sono previsti 591 posti letto: 258 a Mirano (rispetto agli attuali, 37 posti letto in più) e 333 a Dolo (rispetto agli attuali, 13 posti letto in più). Il saldo finale è quindi di 50 posti letto in più. Ai posti letto ospedalieri va comunque ricordato che, con la nuova programmazione, vanno sommati i posti letto delle strutture intermedie, sempre più integrate nella assistenza e nella cura all’ospedale.  A Mirano sono previsti 12 posti letto di Ospedale di Comunità, a Dolo 24 posti letto di Ospedale di Comunità e nella struttura sanitaria di Noale 54 posti letto (20 di Ospedale di Comunità, 24 di Unità Riabilitativa Territoriale e 10 di Hospice). Altri 20 posti letto di Ospedale di Comunità a Noale sono previsti nella struttura privata Relaxxi in attesa di accreditamento. In questo Distretto sono previste anche delle nuove apicalità. A Dolo quella di Pronto Soccorso, di Terapia Intensiva e Rianimazione e di Medicina Fisica e Riabilitazione. A Mirano di Ginecologia e Ostetricia. Va sottolineato, infine, che il potenziamento di questo territorio da parte della Regione Veneto è stato confermato in più occasioni, anche di recente, con il finanziamento di 40 milioni, che permetteranno di mettere in sicurezza l’Ospedale di Dolo, di ristrutturarlo e di realizzare un nuovo Pronto Soccorso.
- Nel Distretto di Chioggia sono previsti 183 posti letto (rispetto agli attuali, 21 posti letto in più) con particolare attenzione all’area riabilitativa, che conquista una apicalità, e l’introduzione del nuovo Servizio di Procreazione medicalmente assistita. A questi posti letto ospedalieri vanno aggiunti anche quelli delle strutture intermedie: 20 di Ospedale di Comunità e 5 di Hospice.
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito