I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Riviera del Brenta, medici di famiglia in pensione, garantita la continuità di assistenza

Riviera del Brenta, medici di famiglia in pensione, garantita la continuità di assistenza

martedì 08 Gennaio 2019
Premesso che all'utente viene sempre garantita la continuità di assistenza, per quanto riguarda la Riviera del Brenta, recentemente, sono andati in pensione tre medici di famiglia: il dottor Claudio Nicotra di Arino di Dolo, il dottor Giorgio Tanini di Dolo e il dottor Renzo Castegnaro di Camponogara. Tutti e tre sono andati in quiescenza il 31 dicembre scorso.
Quando il medico di famiglia che va in pensione non ha vicino altri medici disponibili che possono continuare ad occuparsi dei suoi assistiti, l'Azienda sanitaria, oltre a bandire la zona carente, si preoccupa di garantire la continuità assistenziale con un medico provvisorio, in attesa di quello definitivo. E' stato il caso per il dottor Nicotra che è stato sostituito dal primo gennaio 2019 dal dottor Achille Marongiu e per il dottor Castegnaro che è stato sostituito dal primo gennaio 2019 dal dottor Stefano Sopracordevole. In questo caso l'Azienda propone il medico provvisorio evitando per quei cittadini che lo vogliono così di recarsi al distretto per il cambio medico (rispetto della libertà di scelta). Per quanto riguarda il dottor Tanini, invece, poiché accanto aveva cinque medici con disponibilità, l'Azienda ha solamente attivato la zona carente.
Ogni volta che un medico di famiglia va in pensione, secondo la regolamentazione vigente, l'Azienda Ulss invia una comunicazione al cittadino informandolo su come procedere per avere il nuovo medico: è importante ricordare comunque, come già evidenziato in premessa, che la continuità assistenziale viene sempre garantita.
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito