I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > L’Ulss 3 aderisce all’Obesity Day: mercoledì 10 ottobre tutti a Dolo per visite ed esami gratuiti

L’Ulss 3 aderisce all’Obesity Day: mercoledì 10 ottobre tutti a Dolo per visite ed esami gratuiti

sabato 06 Ottobre 2018
L’Unità Operativa di Nefrologia e Dialisi dell’Ulss 3, Distretto Mirano-Dolo, aderisce alla giornata nazionale dedicata alla prevenzione dell’obesità “Obesity Day”, appuntamento arrivato alla sua diciottesima edizione. Il motto della giornata quest’anno è “Alimentazione e benessere. Dieta Mediterranea Regionale”, L’obiettivo è di sensibilizzare la popolazione nei confronti dei rischi dell’obesità e del sovrappeso.
L’appuntamento è previsto nell’Ospedale di Dolo, mercoledì 10 ottobre: tutti possono aderire all’iniziativa gratuita, senza limite di numero: basta presentarsi dalle 8.30 alle 13.30 presso l’area allestita al primo piano dell’Ospedale (parte nuova della struttura ospedaliera, dove si trova anche il Cup, Centro Unico di Prenotazione). Qui, medici e infermieri del servizio di Nefrologia, in collaborazione con la Dirigenza Medica, insieme ai volontari dell’Avo (Associazione Volontari Ospedalieri), accoglieranno i cittadini ai quali verrà distribuito del materiale informativo sui corretti stili di vita. Inoltre, chi lo vorrà, potrà essere visitato e sottoposto ad alcuni esami del sangue e delle urine per valutare il proprio stato di salute. “Verranno rilevate gratuitamente, senza bisogno di impegnativa medica – ha spiegato la Responsabile del reparto Gina Meneghel - il colesterolo, la glicemia, la pressione arteriosa, il peso e l’indice di massa corporea”. L’ISTAT ha confermato il dato che la popolazione italiana sta aumentando di peso, in questi ultimi vent’anni l’ago della bilancia è salito vertiginosamente e il 46% della popolazione di età superiore o uguale ai 18 anni ha problemi di eccesso ponderale, quindi sono venti milioni gli italiani che hanno problemi di peso. L’obesità non risparmia nemmeno le fasce dell’infanzia, secondo i dati forniti dall’ISTAT siamo al primo posto in Europa, vera e propria “maglia nera”, infatti il 36% dei bambini ha problemi di eccesso di peso e di questi ben il 12% è decisamente obeso. E’ presente peraltro una marcata differenza tra il Nord e il Sud, dove la patologia è prevalente, ad esempio il Molise un totale del 52% con ben il 14.1 di obesità, a fronte del Trentino Alto Adige con un 34.9% con il 7.8% di obesi. La fascia di età in cui si registra il maggior numero di soggetti in eccesso di peso è, sia per gli uomini che per le donne, quella tra i 65 – 74 anni (uomini 52.6% e 16%, donne 40.3% e 14.8% in sovrappeso e obesi rispettivamente). Nel 2025 l’obesità costerà in tutto il mondo circa 760 miliardi di dollari. “L’alimentazione – ha continuato la Dottoressa Meneghel - occupa un ruolo centrale nella salute della persona: l’eccesso di calorie è causa di una serie di patologie, tuttavia, prima ancora della dieta sono l’educazione alimentare e l’attività fisica a salvarci. E l’Italia è in prima fila nella prevenzione proponendo con la dieta mediterranea un equilibrato modello di alimentazione”.
“A Dolo è un appuntamento, consolidato, ormai di tradizione – ha commentato il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – che vede ogni anno una importante partecipazione: solo lo scorso anno, infatti, sanitari e volontari hanno accolto 160 persone (di queste il 60%, ovvero sopra la media nazionale del 46%, è risultato in sovrappeso e obeso e, nella maggior parte dei casi, nemmeno lo sapeva) e non tutte prettamente del nostro territorio. Un evento di promozione alla salute che si divide tra giusta informazione e test di base per valutare lo stato di salute. Tutti vengono accolti, sia adulti che bambini”.
 
 
Condividi questa pagina:
Documenti allegati
Ricerca nel sito