I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Perde la vista e la recupera grazie ad un intervento all’Angelo

Perde la vista e la recupera grazie ad un intervento all’Angelo

giovedì 01 Giugno 2017
radiografie2.jpgPerde completamente il visus per l’aggravarsi di una patologia che l’ha colpita, e la recupera parzialmente  grazie ad un intervento eseguito dalla Chirurgia Maxillo-facciale dell’Angelo: è la vicenda che ha avuto come protagonista, nei giorni scorsi, una signora di circa sessant’anni, residente a Venezia.
“Siamo intervenuti chirurgicamente – spiega il dottor Michele Franzinelli, che guida il Reparto – su una paziente affetta da una forma grave di oftalmopatia basedowiana. Come avviene appunto nei casi più avanzati, la patologia aveva avuto un aggravamento improvviso e non prevedibile. Si era determinato, come accade tipicamente in queste situazioni, l’aumento del volume dei muscoli e del tessuto oculare, con un forte gonfiore di entrambi gli occhi, caratteristico del ‘morbo di Basedow’. La pressione così prodottasi sul nervo ottico aveva avuto come conseguenza la perdita del ‘visus’; e il collasso completo delle capacità visive ha spinto gli specialisti che seguivano la paziente ad optare per l’intervento chirurgico”. 
 
E’ quindi in condizioni di cecità che la paziente è giunta all’Angelo ed è stata affidata all’ambulatorio di Chirurgia orbitopalpebrale del dottor Demetrio Germanò. 
Ricoverata e preparata con l’adeguata terapia farmacologica, la paziente è stata  sottoposta ad intervento con cui i chirurghi sono arrivati in sostanza alle pareti della cavità orbitale, e ne hanno rimosso alcune parti, ampliando così lo spazio a disposizione dell’occhio: “Siamo intervenuti con un’orbitoplastica espansiva bilaterale – spiega il dottor Germanò, che ha operato insieme al dottor Franzinelli  e all’équipe del Reparto – per consentire la decompressione e la rivascolarizzazione del nervo ottico”. L'intervento, delicato e complesso, ha interessato, in entrambe le orbite, sia le pareti sia il pavimento orbitale; i chirurghi hanno inoltre ablato, riducendole entrambe per circa 7 millimetri, le cornici orbitarie, cioè la porzione ossea che sta sotto le sopracciglia. Lo spazio così creato ha permesso la decompressione delle orbite e del nervo ottico: “L’intervento – conclude il dottor Germanò – ha consentito l’immediato recupero parziale della vista, e già questo è un risultato che può definirsi eccezionale visto il grado di compromissione delle strutture intraorbitarie della paziente. Inoltre, l’opzione chirurgica ha scongiurato che si producesse sul nervo ottico una lesione definitiva, ricostruendo le condizioni per un progressivo ulteriore miglioramento della capacità visiva”.
 
Al termine dell’intervento, gli specialisti della Medicina Interna  e gli Oculisti dell'Ospedale dell'Angelo hanno preso in carico la paziente, per la stabilizzazione della patologia di base ed il follow up medico. La paziente è stata dimessa alcuni giorno dopo l’intervento; durante la convalescenza si misurerà via via il suo progressivo recupero. 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito