I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > XIII Giornata del Rene: iniziative di sensibilizzazione negli Ospedali di Mestre e Dolo

XIII Giornata del Rene: iniziative di sensibilizzazione negli Ospedali di Mestre e Dolo

mercoledì 07 Marzo 2018
In occasione della XIII Giornata Mondiale del Rene, prevista per giovedì 8 marzo, l’Unità Operativa Complessa di Nefrologia e Dialisi dell'Ulss 3, diretta dalla dottoressa Gina Meneghel, organizza una giornata a tema per sensibilizzare la cittadinanza sui rischi delle malattie renali ed informare sulle modalità per prevenirle, “prima che sia troppo tardi e sia già necessaria la dialisi”, ha sottolineato la dottoressa.
Gli appuntamenti per l’8 marzo sono due: a Mestre, presso l’Ospedale all’Angelo (ballatoio 1° piano a sinistra accesso A) e a Dolo, presso il presidio ospedaliero (1° piano vicino al CUP e alle scale mobili). Per aderire alla Giornata, basterà presentarsi in uno di questi due presidi, dalle ore 8.30 alle ore 13.30, senza impegnativa. Medici, infermieri e dietiste dei reparti di Nefrologia insieme a volontari ANED (Associazione Nazionale Emodializzati) accoglieranno i cittadini e rileveranno gratuitamente colesterolo, glicemia, esame urine, pressione arteriosa, peso e indice di massa corporea. Inoltre, a chi si presenterà, verranno fornite istruzioni sui più corretti stili di vita e su come tenere sotto controllo la salute dei propri reni.
Il 10% della popolazione adulta italiana è affetta dalla malattia cronica renale, una malattia silente che si può combattere con la prevenzione. E’ un problema importante in continua crescita, soprattutto nei Paesi Occidentali. “La patologia, se non si interviene precocemente - ha spiegato il primario Gina Meneghel - evolve sino alla totale perdita di funzione renale con necessità ricorrere alla dialisi e /o al trapianto, ma fatto ancor più grave amplifica il rischio di complicanze cardiovascolari come infarto ed ictus e rende molto più rischioso lo stato diabetico aggravando e complicando il quadro clinico. A loro volta numerose patologie, quali il diabete, l'ipertensione arteriosa, le dislipidemie e le malattie infiammatorie croniche possono causare malattia renale che per definizione è, nella maggior parte dei casi, "silenziosa" e può progredire senza particolari sintomi”.
“Per comprendere l’importanza della diagnosi precoce - ha concluso la dottoressa - basti pensare che l’anno scorso a Dolo, dove questo tipo di iniziativa è ormai di tradizione, fra le persone che hanno aderito a questa giornata di prevenzione, ben il 21% non sapeva di avere una malattia renale”.
“Non smetto di ribadirlo – ha aggiunto il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – che per contrastare questa malattia dell’era del benessere, è necessario fare la nostra parte adottando comportamenti sani, ovvero corretti stili di vita che comprendono una dieta equilibrata (con poco sodio e proteine), la promozione del movimento (quando si può evitare di prendere l’auto e fare una passeggiata o un giro in bicicletta), limitando il più possibile l’uso e abuso di alcol e rinunciando al fumo”.
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito