I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Influenza in Veneto, dati in continuo aumento in ogni fascia d'età

Influenza in Veneto, dati in continuo aumento in ogni fascia d'età

martedì 16 Gennaio 2018
Durante l’ultima settimana di sorveglianza delle sindromi influenzali sono stati segnalati nel territorio veneto 755 nuovi casi, all’interno della rete Influnet, per un’incidenza totale di 6,15 malati per 1.000 abitanti. Sulla base di questo tasso si può stimare che circa 30.181 persone siano state colpite da influenza in Veneto durante questa settimana. In confronto alla settimana precedente il tasso d’incidenza risulta superiore, continuando la fase crescente della stagione ed in linea con la stagione passata.
Rispetto al resto del Paese, secondo i dati finora disponibili, il tasso regionale risulta decisamente inferiore a quello nazionale che risulta essere oltre il doppio: 13,24 ogni mille abitanti, con una stima di poco meno di tre milioni di soggetti colpiti in Italia dall’inizio della sorveglianza. A livello nazionale, come indicato dal bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità, si è registrato nelle ultime settimane un continuo aumento del tasso di incidenza, con valori superiori a quelli registrato della passata stagione. Solo in Friuli, Veneto, nella Provincia autonoma di Bolzano e in Sardegna si ha un’incidenza sotto i dieci casi. Nel resto del Paese si è in una situazione di Intensità alta o molto alta.

Osservando i tassi d’incidenza in Veneto per classi d’età, per la fascia dei bambini (0-4 anni) in queste ultime settimane si è registrato un continuo e consistente aumento, in particolare nelle ultime due settimane, arrivando a 15 bambini ogni 1.000 (a livello nazionale tale tasso è superiore e si attesta a 28,5).
La seconda fascia pediatrica (5-14 anni) ha registrato un tasso di notifica uguale rispetto a quello della settimana precedente con 6,31 casi ogni 1.000.
Le classi di età centrali (15.64 anni) sono state soggette ad un incremento più contenuto negli ultimi sette giorni, con un valore complessivo di 6,38 casi ogni 1.000 (a livello nazionale 13,37).
La fascia degli anziani (65+) registra anch'essa un aumento, arrivando ad un tasso d’incidenza di 3,29 casi ogni 1.000 abitanti (a livello nazionale 8,07).

Complessivamente l’andamento regionale di questa stagione non sembra differire sostanzialmente da quello delle ultime stagioni. Bisognerà aspettare di capire se la curva d’incidenza seguirà l’andamento nazionale sinora delineato, e quindi valori molto alti, o se seguirà l’andamento più contenuto delle ultime stagioni.

Anche quest’anno è iniziata la sorveglianza delle forme gravi e complicate di influenza. Ad oggi sono pervenute 7 segnalazioni di complicanze legate all’influenza, di cui 6 forme gravi come da definizione delle circolare ministeriale.
Delle forme gravi, quattro maschi e due femmine, la media d’età complessiva è di 69 anni (41-82 anni) e cinque di esse risultava presentare patologie pregresse. Di queste, 5 sono stati ricoverati in terapia intensiva
(UTI) mentre per nessuna si è ricorsi all’ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO).
Le notifiche sono pervenute dall’Azienda Ulss Euganea (3), Pedemontana (1) e Berica (2); non sono per ora pervenute segnalazioni dalle restanti Aziende Ulss.
Dei 6 soggetti, 3 hanno sviluppato una grave infezione respiratoria acuta (SARI) e 4 una sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS). La tipizzazione del virus ha evidenziato per tutti e 6 i casi il ceppo B.
Attualmente sono stati segnalati 2 decessi correlabili all’influenza, uno sul territorio dell’Azienda Ulss Pedemontana ed uno in quella Euganea.
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito