I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Urologi “del territorio”: da tutta l’Italia a Venezia per il Congresso nazionale

Urologi “del territorio”: da tutta l’Italia a Venezia per il Congresso nazionale

mercoledì 15 Novembre 2017
Saranno almeno centocinquanta, e sono tutti urologi “territoriali”, cioè specialisti che non operano negli ospedali ma nelle sedi e negli ambulatori distrettuali. Riuniti nella loro società scientifica – la Società Italiana Urologia Territoriale (SIUT) – si riuniscono nei prossimi giorni a Venezia, all’Ospedale Civile, per il loro VII congresso nazionale. A presiedere l’assise, la dottoressa Laura Arba, specialista urologa dell’Ulss 3 Serenissima.
 
“La SUIT è una società giovane – spiega – che riunisce appunto gli urologi che lavorano sul territorio, a partire dal loro ruolo specifico di specialisti della sanità extraospedaliera. Operiamo in un contesto in cui l’allungamento della vita ha determinato un aumento delle patologie, anche in campo urologico. Ma dentro questo quadro, sempre più la visione ospedalocentrica lascia il passo ad un approccio integrato, in cui l’urologo dell’Ospedale e l’urologo del territorio dialogano in modo stretto, e in cui sempre più l’urologo territoriale è chiamato a dare risposte integrate ed appropriate”.
Le diverse sessioni del Congresso – che si svolge dal 16 al 18 novembre, presso la Sala degli Angeli dell' Ospedale Ss. Giovanni e Paolo – affronteranno le patologie di più frequente riscontro negli ambulatori urologici territoriali, per fornire a ciascun partecipante una visione sui casi clinici, una sintesi di linee guida e pradica clinica, da utilizzare nell’attività ambulatoriale. “Pur sottolineando le peculiarità del nostro lavoro e cercando di approfondirne gli aspetti – continua la dottoressa Arba – il nostro dialogo con gli urologi ospedaliero è stretto e la collaborazione è piena; e non potrebbe essere altrimenti, visto che comunque seguiamo i pazienti prima e dopo l’intervento in ospedale, e che l’intervento chirurgico ospedaliero è solo un momento, pur importantissimo, di un percorso complessivo”.
 
“Sanità territoriale e sanità ospedaliera – commenta il Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben – dialogano anche a livello scientifico: lo conferma il programma di questo Congresso veneziano della SIUT, che prevede la partecipazione in qualità di relatori dei Primari di Urologia degli Ospedali di Venezia e di Mestre, il dottor Claudio Milani e il dottor Franco Merlo, a conferma dello stretto rapporto tra specialisti territoriali e specialisti ospedalieri nella nostra Azienda sanitaria”.  
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito