I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Un dono alla Rianimazione dell’Angelo: tre nuove pompe di infusione nel ricordo di Alex ​​​​​​​

Un dono alla Rianimazione dell’Angelo: tre nuove pompe di infusione nel ricordo di Alex ​​​​​​​

giovedì 26 Ottobre 2017
Una famiglia stretta intorno alla Rianimazione Neurochirurgica dell’Angelo, nel ricordo di Alex, e un dono importante, che vuole rappresentare la vicinanza e la riconoscenza dei genitori verso il Reparto: in un breve ma sentito momento Paolo e Manuela, papà e mamma di Alex De Marchi, hanno consegnato oggi all’Ospedale dell’Angelo di Mestre tre pompe per l’infusione dei farmaci. Le tre apparecchiature saranno così utilizzate da quella Rianimazione in cui nel febbraio dello scorso anno è stato assistito il loro figlio, fino al decesso avvenuto nel febbraio 2016, a soli 24 anni, per le gravi complicazioni intervenute.
Grati a chi ha assistito il loro ragazzo fino all’ultimo, con affetto e umanità, senza lasciare mai nulla di intentato, i signori De Marchi hanno trasformato in un dono prezioso – le pompe da infusione hanno un valore di circa tremila euro – il dolore dei giorni della morte del ragazzo e la solidarietà di parenti, colleghi e amici: a tutti infatti avevano chiesto di contribuire a questa iniziativa verso il Reparto. Il dono che hanno fatto oggi, hanno voluto sottolineare, è il frutto dell’affetto di tutti coloro che volevano bene ad Alex, e lo ricordano con un gesto concreto che sarà utile per chi, nella Rianimazione dell’Angelo, si troverà ad affrontare lo stesso difficile passaggio.
A ricevere il dono, l’équipe della Rianimazione, guidata dal dottor Francesco Lazzari, insieme al Direttore Generale dell’Ulss 3 Serenissima Giuseppe Dal Ben: “Ancora una volta – ha commentato Dal Ben – ci troviamo a ricevere un dono da una famiglia che, nonostante il lutto che l’ha colpita, riconosce il lavoro e l’impegno della nostra équipe. Gesti come questi sono importanti perché mettono a disposizione del nostro Ospedale ulteriori strumentazioni, ma ancora di più perché ci incoraggiano a cercare sempre questo atteggiamento di disponibilità piena e di incessante assistenza verso chi è affidato alle nostre cure”.  
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito