I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Una Guida per il paziente tracheostomizzato: redatta a Mestre, verrà replicata negli Ospedali della Ulss 3

Una Guida per il paziente tracheostomizzato: redatta a Mestre, verrà replicata negli Ospedali della Ulss 3

domenica 08 Ottobre 2017
E’ nata la “Guida alla gestione del paziente tracheostomizzato”. A realizzarla sono stati i professionisti della ORL dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre in collaborazione con l’Associazione Oncologica Italiana Mutilati della Voce e gli studenti della Scuola del Corso di Laurea infermieristica.
“Questo opuscolo – ha spiegato il coordinatore della rete integrata Orl Roberto Spinato – è stato ideato al fine di aiutare i famigliari e i pazienti operati di laringectomia, portatori di tracheostoma e canula tracheale. Un manuale pratico assistenziale, che si rivela utile sia in ambito ospedaliero che domiciliare”.Sull’opuscolo viene descritto, con semplicità, e con alcuni disegni: cosa si intende per tracheotomia e tracheostomia; come è formata una canula tracheale e come va pulita; come va aspirato il tracheostoma e la trachea; come sarà la respirazione, la funzione e la deglutizione del paziente. Prima della dimissione, inoltre, il paziente e i famigliari verranno istruiti dal personale infermieristico e medico su come deve essere l’ambiente domestico (non troppo secco ma con un gradiente di umidità); su come fare la doccia e il bagno; come procurarsi gli ausili; come procurarsi l’aspiratore, ecc. Vengono forniti tutti i numeri telefonici necessari: del reparto, dei distretti, della logopedista e della Associazione Oncologica Italiana Mutilati della Voce. Alla dimissione viene consegnato l’opuscolo informativo e la documentazione per l’esenzione della malattia.
“E’ uno strumento validissimo – ha detto il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – una sorta di mappa che dà risposte alle domande più frequenti che sorgono in questi pazienti, indirizzandoli sulla via giusta (come comportarsi e chi contattare a seconda del tipo di bisogno). Un vademecum che nasce a Mestre, ma che presto verrà replicato anche negli altri Ospedali della Ulss 3”.
Nell’Ospedale dell’Angelo di Mestre, all’anno, vengono eseguite circa 150 tracheotomie; una ventina a Venezia, ottanta circa a Mirano-Dolo e una quindicina a Chioggia. I pazienti candidati alla tracheotomia sono persone che hanno una ostruzione che non permette loro di respirare o che sono affetti da insufficienza respiratoria; sono soprattutto malati oncologici o pazienti ricoverati in terapia intensiva. 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito