Home > Archivio News > Ulss 3, da lunedì riprende la specialistica ambulatoriale ospedaliera. Sono 15.632 le prestazioni da riprogrammare

Ulss 3, da lunedì riprende la specialistica ambulatoriale ospedaliera. Sono 15.632 le prestazioni da riprogrammare

venerdì 29 Gennaio 2021

L’Ulss 3 Serenissima è pronta a recuperare dal primo febbraio tutte le prestazioni ambulatoriali non urgenti, sospese o non prenotabili negli ospedali, da normativa, in questi mesi di picco pandemico. Tra queste 15.632 erano quelle già prenotate, in galleggiamento. Sono circa dodicimila le richieste pervenute al Cup dopo la sospensione. Tutti verranno ricontattati direttamente dall’Azienda sanitaria per confermare un nuovo appuntamento in base ai criteri di priorità clinica e temporali. 
“Nel corso dell’emergenza epidemiologica l’azienda sanitaria ha continuato comunque a garantire nei suoi ospedali la prestazioni specialistiche oncologiche, a carattere d’urgenza (U) e con priorità alta (B) - sostiene il direttore generale dell’Ulss 3 Serenissima -. Ma in questo periodo sono state assicurate anche molte prestazioni non urgenti, gestite negli ambulatori e poliambulatori specialistici dell’Ulss 3 diffusi sul territorio”. Grazie ai fondi della Regione Veneto, in questi ultimi mesi i distretti hanno infatti aumentato la loro attività per limitare il più possibile il numero delle prestazioni che ora sono da recuperare. Da febbraio, dunque, progressivamente, verranno riprogrammate visite specialistiche e di diagnostica ambulatoriale non urgente negli ospedali e in tutta la rete ambulatoriale dell’Ulss 3, comprese le attività di libera professione intramoenia. Come accaduto in estate, in questa fase di discesa del picco epidemico e di parziale ritorno all’attività ordinaria, grazie ad ulteriori fondi dell’Azienda sanitaria e della Regione Veneto, per accelerare il recupero delle prestazioni garantendo anche l’effettuazione delle nuove ci sarà un’immediata implementazione dell’attività ordinaria, con l’aumento delle ore e delle prestazioni sanitarie messe a disposizione dagli specialisti all’utenza. 
Se la curva di contagi e ricoveri continuerà il suo trend in discesa, anche diversi reparti chirurgici che sono stati ridimensionati per lasciare spazio alle Aree covid e alle Terapie intensive torneranno progressivamente a riappropriarsi del loro spazio originario. Grazie alla diminuzione dei ricoveri, al momento i posti letto attivati nelle terapie intensive dell’Ulss 3 sono scesi da 96 a 86. Le terapie intensive di Chioggia e Mirano sono già completamente libere da pazienti positivi al Covid. La riduzione dei letti Covid attivi grazie alla diminuzione dei ricoveri è avvenuta anche per i posti letto in area non critica, scesi di un terzo. 
Anche il Cup, già dalla fine della prima fase, si è rafforzato arrivando anche a triplicare le linee telefoniche, passate in totale da 105 a 270, e aumentando il personale. Le linee telefoniche bidirezionali attive sono passate da 60 a 120 nel distretto di Venezia-Mestre, con 43 operatori disponibili; da 30 a 90 nel distretto di Mirano-Dolo, con 32 operatori in campo; da 15 a 60 nel distretto di Chioggia. Una volta presa la linea, un nuovo messaggio raccomanda ora agli utenti, nel caso in cui non riescano a parlare subito con l’operatore, di lasciare il loro recapito telefonico senza effettuare ulteriori telefonate: l’Ulss si impegna a ricontattarli tutti entro massimo 48 ore. Per le visite di controllo dopo la prima, prescritte dallo specialista, le cosiddette visite di follow up, è stata messa a disposizione una nuova modalità di prenotazione: è il servizio Cup che ora chiama il paziente per riferirgli data e ora dell’appuntamento, senza la necessità che sia l’utente a dover contattare il servizio di prenotazioni.
Per facilitare le prenotazioni di esami e visite mediche l’Azienda sanitaria si rende poi disponibile su diversi fronti, oltre a quello telefonico. Un nuovo servizio internet permette al cittadino di inviare online, sul sito dell’Ulss 3, i dati della propria prescrizione: in questo caso il Cup ricontatta l’utente comunicandogli la data dell’appuntamento. Se preferisce, sempre dopo aver inserito i dati della ricetta, l’utente può anche ricevere direttamente un promemoria con la data dell’appuntamento già fissata. La stessa procedura è attivabile anche da da tablet e smartphone con l’app dedicata dell’Azienda sanitaria. Inoltre è possibile prenotare le prestazioni sanitarie anche attraverso le farmacie convenzionate sul territorio: nel distretto veneziano hanno aderito 81 farmacie su 101, 60 su 72 a Mirano-Dolo e tutte le 22 di Chioggia.






 
Ricerca nel sito