Home > Ospedali > Ospedale di Mestre > Servizio Continuità Cure Ospedale Territorio

Servizio Continuità Cure Ospedale Territorio

Direzione  Medica

041 9657760
ocme.dmo@aulss3.veneto.it
 

Assistenti Sociali

Biancon Maria Pia Assistente Sociale - Sede Mestre 041 9657898 - dect 041 9656464 mariapia.biancon@aulss3.veneto.it  
Danesin Claudia Assistente Sociale - Sede Mestre 041 9657975 claudia.danesin@aulss3.veneto.it  
Toso Irene Assistente Sociale - Sede Mestre 041 9657899 - dect 0419657975 irene.toso@aulss3.veneto.it  
Caterina Gaspari Assistente Sociale - Sede Venezia 0415294215 - dect 0415295550 caterina.gaspari@aulss3.veneto.it
 
Attivita' svolta

Compiti del Servizio S.C.O.T. :
Il Servizio SCOT ha l'obiettivo di favorire la
continuità delle cure e dell'assistenza, favorendo un percorso post ospedaliero che garantisca in maniera unitaria e continua il prolungarsi delle stesse dalla dimissione dall'Ospedale al rientro al domicilio, o alla accoglienza temporanea in Centri Servizi Residenziali.

Il Servizio è rivolto a tutti i pazienti ricoverati dell'Ulss 3 distretto del Veneziano che vivono una condizione di “fragilità” nel percorso post dimissioni dall'Ospedale. I pazienti che possono usufruire di questo servizio sono ricoverati c/o i seguenti Ospedali:

- Ospedale dell'Angelo

- Ospedale San Giovanni e Paolo di Venezia

- Ospedali convenzionati Policlinico San Marco e Villa Salus

Il paziente si definisce fragile quando è portatore di problematiche cliniche e sociali tali da condurre ad un rapido esaurimento delle “capacità di compenso” in caso di evento avverso clinico e/o sociale anche di modesta entità.

I pazienti possono rientrare in varie aree di intervento, così come identificato e organizzato negli Uffici del Comune di Venezia e dall'AULSS 3 :
- area anziani
- disabilità
- marginalità sociale (senza dimora)
- immigrazione
- dipendenze
- minori in condizione di disagio


Vision del personale operante nel Sevizio SCOT
Garantire la tutela del paziente fragile nel delicato passaggio tra ospedale e territorio individuando le sue necessità sanitarie, l'adeguatezza della rete familiare e la necessità sociale.


Valori
I valori deontologici e professionali che guidano l’intervento degli operatori presso questo servizio sono:

  • il valore olistico della persona: permettere ad ogni paziente fragile e con rete sociale debole, di poter essere riaccolto nel proprio ambito di provenienza, per vivere all’interno della sua famiglia e con i suoi affetti

  • il contrasto alla marginalità : permettere ad ogni paziente fragile di contrastare l’emarginazione sociale e l’indigenza economica cause talvolta di non accesso ai servizi sanitari e alle cure necessarie

  • il potenziamento delle risorse residue : permettere ad ogni paziente fragile di recuperare e potenziare le risorse residue, necessarie a mantenere una vita autonoma e dignitosa.

Ultimo aggiornamento: 25/08/2022