Home > Archivio News > ​Peter Pan e Uncino, Bambi e Nemo: le storie più belle in Pediatria di Chioggia, dono dei Leo della città

​Peter Pan e Uncino, Bambi e Nemo: le storie più belle in Pediatria di Chioggia, dono dei Leo della città

sabato 02 Luglio 2022
In ogni stanza un grande pannello, e in ogni pannello una scena dei grandi capolavori a cartoni animati: la Pediatria di Chioggia diventa ancor più a misura di bambino grazie ad una donazione del Leo Club di Chioggia e Sottomarina. "Abitano con noi ora - spiega ringraziando il Primario, Andrea Cattarozzi - Peter Pan e Capitan Uncino, e poi Bambi e i suoi amici del bosco, e i personaggi di 'Nemo' e tanti altri. Stanno nelle stanze di degenza, ma anche negli ambulatori e nello spazio di ingresso, e ci aiutano a rendere questo luogo più accogliente per i bambini durante la degenza e durante quei momenti delicati come una visita o un prelievo".

Visitando il Reparto, il Direttore Generale Edgardo Contato ha voluto sottolineare lo sforzo continuo per l'Ospedale: "Questa donazione dei giovani Leo - ha sottolineato - rappresenta l'attenzione della comunità di Chioggia e di Sottomarina per il proprio Ospedale. Questa collaborazione fattiva delle associazioni e dei privati si somma all'impegno dell'Azienda sanitaria e della Regione per rendere sempre più forte il presidio ospedaliero di questa città. Anche in questi tempi, che sono stati e sono difficilissimi per il sistema sanitario sotto molti aspetti, i cittadini di Chioggia possono essere certi che nel loro Ospedale si risponde, si lavora, si rinnova e si interviene, per garantire alla popolazione il miglior servizio possibile. E non solo pensando ai bambini, a cui oggi, grazie ai Leo, facciamo insieme un piccolo grande regalo".
I giovani Leo di Chioggia e Sottomarina hanno visitato il reparto insieme al Direttore Contato: "Siamo qui a testimoniare - ha detto per tutti Stefano Penzo - come si possano fare cose importanti nel momento in cui si incontrino partner che sappiano collaborare: idee e proposte si concretizzano quando si dialoga nella chiarezza reciproca, sapendo dire tanti sì, e quando è necessario anche qualche no, ma sempre nel segno dall'apertura e della chiarezza reciproca". Dai Leo e dalla Direzione dell'Ulss è giunto un grazie anche a ZennaroLegnami e a Fondazione Cattolica, che hanno collaborato per la realizzazione di dieci grandi pannelli - ciascuno alto quasi due metri - donati al Reparto diretto dal dottor Cattarozzi.
Ricerca nel sito