Home > Distretto di Chioggia > Distretto di Chioggia > Territorio > Percorsi diagnostici terapeutici

Percorsi diagnostico terapeutici

I cambiamenti avvenuti netli ultimi anni in Sanità dovuti alla riduzione delle risorse economiche. ponaoiìo il difficile quesito su come allocare le risorse disponibili per le cure assistenziali: si corre il rischio di privilegiare interventi per malattie acute in cui, teoricamente, risolto l’episodio, si può ottenere una restitutio ad integrurn, e di ridurre i finanziarnenti per le malattie croniche perché poco vantaggiose dal punto di vista economico, destinate a peggiorare nel tempo e di ditìicile gestione.

Tale situazione si è presentata nella sua drammaticità negli Stati Uniti dove l’aspetto economico ha spinto i professionisti, gli ospedali e gli enti assicurativi ad abbandonare le aree non convenienti, minacciando i valori etici di fondo della medicina. La risposta più coerente a questa situazione è stata quella della medicina della Qualità e delle prove di efficacia.
La modalità che permette di ridurre l’inefficienza, di razionalizzare al meglio le risorse, di aumentare l’efficacia. di ridurre la variabilità delle prestazioni attraverso i profili diagnostico terapeutici.

Negli Stati Uniti sono comparsi all’inizio degli anni ‘90 insieme al desease management e all’affermarsi del managed care (tecnica di ottimizzazione della spesa sanitaria, ispirati alla tecnica del critical pathway (percorsi critici) usata nel mondo industriale per ottimirzare i tempi di lavoro si sono introdotti in Sanità come piano di cura multidisciplinare il cui contenuto è fondato sulle evidenze scientifiche.

Oggi, inoltre la crescente domanda di migliorare le prestazioni nell’ambito sanitario spinge le organizzazioni ad operare sui suoi processi, formando team capaci esaminare come ogni processo possa essere gestito, migliorato, eliminato o radicalmente cambiato (reeingineering).

Qui di seguito vengono descritti i principali PDTA dell'Azienda:
 

  • Carcinoma della mammella
     
  • Scompenso cardiaco
     
  • Diabete Mellito
  • Paziente nefropatico
     
  • Paziente autistico - protocollo
Ultimo aggiornamento: 02/02/2018