Home > Archivio News > Mira, ore 8.00: il primo vaccino dei Medici di Famiglia. Il DG Contato: "Alleati nel contrasto al contagio" 

Mira, ore 8.00: il primo vaccino dei Medici di Famiglia. Il DG Contato: "Alleati nel contrasto al contagio" 

sabato 20 Marzo 2021
Alle 8.00 di questa mattina, la prima vaccinazione somministrata in un ambulatorio di Medici di Medicina Generale: è stata effettuata a Mira, nella Medicina di Gruppo Integrata EptaMedica, del dottor Stefano Rigo e degli specialisti associati.
"Attendiamo oggi 80 nostri assistiti - spiega il dottor Rigo - che abbiamo convocato selezionandoli per età nella fascia affidata ai Medici di Famiglia, cioè quella tra i 70 e i 79 anni. La vaccinazione avviene con il vaccino AstraZeneca, e ogni valutazione sui nostri assistiti è stata fatta dagli specialisti della nostra Medicina di Gruppo. Molto favorevole è stata l'adesione delle persone che abbiamo convocato, che non temono ed anzi attendono il vaccino con ansia".

Lo attendeva con ansia anche Franco Balello, il primo assistito ad essere vaccinato, insieme alla moglie Emilia Brotto: "Nessun timore, e anzi sono felice - dice - perché il vaccino è importante, come sono importanti tutti i vaccini, che salvano la vita: ho visto da bambino altri bambini ammalarsi e morire, perché si andava in barena a cercare cape, e ci prendevamo il tifo... e con mia moglie, che è qui e che si è appena vaccinata con me, ricordiamo bene il vaiolo, e i nostri compagni rovinati dalla poliomelite...".

Presente nella Medicina di Gruppo Integrata anche il Direttore Generale dell'Ulss 3 Serenissima, Edgardo Contato: "Si apre un nuovo importante canale - spiega - per la somministrazione del vaccino. I Medici di Famiglia compiono un passo che definirei cruciale, e si affiancano al gran lavoro che stanno svolgendo gli operatori dell'Azienda sanitaria nei vari punti vaccinali sul territorio; e con i Medici di Famiglia si interviene su una nuova fascia di età, quella dei settantenni e, possiamo dirlo, si porta il vaccino nella realtà comune, tra gli assistiti, alle persone. Un lavoro di rete, in sinergia, che il Veneto sa fare, anche e soprattutto nel servizio sanitario, a vantaggio della gente di queste nostre città".

Le operazioni, a cui ha voluto assistere anche il vicepresidente dell'Ordine dei Medici, Maurizio Scassola, si concludono nella mattinata, per riprendere con continuità dalla prossima settimana.
Ricerca nel sito