Home > Archivio News > La Medicina di Dolo riconfermata per l’11 anno consecutivo come “Scuola di Ecografia” a livello nazionale

La Medicina di Dolo riconfermata per l’11 anno consecutivo come “Scuola di Ecografia” a livello nazionale

martedì 04 Febbraio 2020
Nel 2019 sono state eseguite complessivamente in ambito internistico, nel reparto di Medicina dell’Ospedale di Dolo della Ulss 3, oltre 4000 ecografie.
L’ecografia è una tecnica diagnostica che utilizza gli ultrasuoni per ottenere un’immagine precisa degli organi indagati. E’ una metodica non invasiva, di semplice esecuzione, ripetibile, che non espone il paziente a radiazioni ed è considerata ormai uno strumento indispensabile nella pratica clinica, in campo internistico e non solo.
Nel Reparto di Medicina dell’Ospedale di Dolo, l’ecografia viene eseguita di routine per un corretto inquadramento diagnostico di numerose patologie in diversi ambiti internistici, dall’epatologia, alla angiologia, alla reumatologia, alla endocrinologia.
In ambito endocrinologico l’ecografia trova grande utilità nello studio della morfologia tiroidea, poiché è una ghiandola che si trova alla base del collo e quindi ben visibile con tale metodica. La tiroide produce ormoni che influenzano il corretto metabolismo del nostro organismo, ad esempio lo sviluppo, il peso corporeo, il battito cardiaco e la respirazione. Le patologie tiroidee sono molto frequenti e possono riguardare alterazioni della secrezione ormonale oppure la presenza di noduli tiroidei, che nel 5% dei casi possono essere tumori maligni.
“Nel nostro reparto – ha spiegato il Primario di Medicina, il Dottor Moreno Scevola – da ormai 10 anni è attivo l’ambulatorio endocrinologico, che si occupa di diagnosi e cura delle patologie endocrine, in particolare tiroide, paratiroide, surreni. Per accedere è necessario appuntamento CUP mediante impegnativa del medico curante con il quesito clinico. Nel nostro ambulatorio l’endocrinologo si avvale spesso dell’ecografia come supporto diagnostico, qualora vengano rilevate irregolarità alla palpazione del collo (nodo singolo o gozzo) o per meglio chiarire la natura di una disfunzione tiroidea (ad esempio un ipertiroidismo o ipotiroidismo). Con l’ecografia lo specialista può immediatamente orientarsi sulla natura del nodulo, interpretando le immagini in base a criteri approvati a livello internazionale. In caso di nodulo non sospetto sarà sufficiente eseguire dei controlli periodici, se invece il nodulo avrà caratteri ecografici sospetti, verrà preso in carico sempre dalla nostra struttura per eseguire un approfondimento citologico mediante agoaspirato ecoguidato e, successivamente, seguito in un percorso multidisciplinare per le decisioni di competenza. Anche in questo caso l’ecografia è fondamentale”.
 “Ricordo con piacere – ha concluso il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – che a Dolo, unico esempio nel veneziano, esiste e si riconferma per l’undicesimo anno consecutivo, proprio in questo reparto di Medicina, l’attività della  Scuola di Ecografia – referente nella U.O.C. Medicina Dolo la  dott.ssa Chiara Ferrara- , riconosciuta dal 2010 dalla Società Italiana di Ecografia (SIUMB), un  percorso formativo che ha già preparato professionalmente, da quando attivato, circa 400 ecografisti, sia localmente che provenienti da altre regioni. Medici che rappresentano molte specialità, non solo Internisti o Gastroenterologi, ma anche Chirurghi, Fisiatri, Nefrologi, Pneumologi, Geriatri, Anestesisti, Medici di Pronto Soccorso, Medici di Medicina Generale ed anche Medici del Lavoro. Il corso 2020 riparte infatti nel mese di marzo”.
 
Ricerca nel sito