Home > Archivio News > I minori sempre accolti e assistiti dai servizi dell'Ulss 3, anche quando privi di codice fiscale

I minori sempre accolti e assistiti dai servizi dell'Ulss 3, anche quando privi di codice fiscale

domenica 25 Ottobre 2020

Mentre rispetta e prende atto della sentenza del tribunale di Venezia, l’Ulss 3 Serenissima ricorda la sua piena disponibilità verso i minori non regolari. "Come Azienda sanitaria non abbiamo mai negato, attraverso il servizio Infanzia e adolescenza, né una visita medica, né un percorso di riabilitazione a un minore privo di codice fiscale, di residenza o di tessera sanitaria - spiega Maria Cristina Mambelli, direttrice dell'unità operativa Infanzia e adolescenza dell'Ulss 3 Serenissima -. Queste visite e prestazioni sanitarie vengono effettuate con regolarità e in larga misura, ad esempio, nei confronti di bambini domiciliati nel territorio dell’Ulss 3 ma non residenti, di minori non accompagnati, di bambini accuditi dalle madri all’interno dell’istituto di detenzione della Giudecca e degli stessi minori segnalati all’Azienda sanitaria da Emergency. Tutti i minori segnalati sono quindi sempre valutati e presi in carico dall'Azienda sanitaria veneziana - continua la dottoressa Mambelli -, perché quello che prevale per questa Ulss è sempre e solo il bene superiore del minore, e solo in virtù di questo il minore viene sempre accolto e curato dai nostri servizi. Non solo, quindi, dal Pronto Soccorso pediatrico degli ospedali, sempre attivo e a disposizione di bambini e genitori, regolari o irregolari, che vi accedono".

Ricerca nel sito