Home > Archivio News > I medici dell'Ulss 3 con le Forze dell'Ordine senza limiti di orario, ogni volta che viene segnalata una situazione di necessità 

I medici dell'Ulss 3 con le Forze dell'Ordine senza limiti di orario, ogni volta che viene segnalata una situazione di necessità 

mercoledì 04 Dicembre 2019
I medici dell'Ulss 3 Serenissima collaborano in modo pieno con le Forze dell'Ordine, senza limiti di orario in ogni occasione in cui sia loro segnalata una situazione di necessità.
Lo sottolinea il Direttore del Dipartimento di Prevenzione dell'Ulss 3 Serenissima, il dottor Luca Sbrogiò, commentando la recente vicenda durante la quale, secondo le dichiarazioni del Comandante della Polizia Municipale Marco Agostini, si sarebbe verificata la presunta indisponibilità del medico legale per la visita ad una persona sottoposta fermo.
Il dottor Sbrogiò ricostruisce così la vicenda: "Diamo sempre piena collaborazione alle Forze dell'Ordine, e in particolar modo ci mettiamo a disposizione in ogni caso in cui sia evidenziata una necessità. Nel caso specifico di procedimento di espulsione in corso da parte delle Forze dell'Ordine, siamo anche noi a disposizione per la idonea visita del soggetto colpito da espulsione, mediante la quale si accerti che vi siano le condizioni per il viaggio, escludendo malattie infettive in atto o altre condizioni morbose che rendano impossibili i trasferimenti. La prassi prevede che i soggetti siano condotti in massima sicurezza presso le nostre strutture, e ciò avviene in momenti stabiliti e concordati, anche per non interferire o recar danno ad altri utenti presenti e ed altre attività". 
"Nel caso specifico della visita necessaria per il soggetto fermato - sottolinea il dottor Sbrogiò - un nostro medico del Servizio di Medicina legale, la dottoressa Mazzarolo, ha ricevuto, nella serata in oggetto, alle ore 20.32, la richiesta di appuntamento per la visita da parte del funzionario Franzoi, della Polizia Municipale. Ha concordato la visita al soggetto per l'indomani alle ore 7.00, senza che venisse sollevato alcun motivo di ulteriore o maggiore urgenza. All'indomani, all'orario e nella sede concordata, due erano i medici dell'Azienda sanitaria - con la dottoressa Mazzarolo c'era, come da accordi, il dottor Marco Flora del Servizio di Igiene pubblica - in attesa che il soggetto giungesse, sotto scorta, all'appuntamento prefissato; al quale però gli agenti e la persona in custodia non sono mai giunti. Alle ore 7.11 la dottoressa Mazzarolo riceveva invece, per iscritto, un messaggio dello stesso funzionario della Polizia Municipale, il quale rassicurava che la visita al soggetto non era più necessaria poiché tutto era stato risolto, e ringraziava della disponibilità".
"In altre occasioni, come ad esempio durante il noto blitz congiunto in via Piave - sottolinea il Direttore del Dipartimento di Prevenzione - i medici dell'Ulss 3 Serenissima hanno operato al fianco delle Forze dell'Ordine senza limite di orario. E lo fanno, per le loro competenze, ogni volta che sia loro evidenziata una situazione di necessità o di urgenza".
 
Ricerca nel sito