Home > Archivio News > I Reparti ospedalieri verso la normalità con il rientro degli operatori Aumentano i posti letto, in particolare nelle terapie intensive

I Reparti ospedalieri verso la normalità con il rientro degli operatori Aumentano i posti letto, in particolare nelle terapie intensive

domenica 08 Marzo 2020
“Partiamo dalle buone notizie: la prima è che non solo le terapie intensive della Ulss 3 hanno ancora letti liberi per far fronte all’arrivo di nuovi casi, ma proprio per essere preparati ad ogni evenienza, con il sostegno della Regione Veneto, da lunedì 9 marzo vengono attivati ulteriori 7 posti letto intensivi, e passiamo così ad un totale di 61 nella Ulss 3. Nelle settimane successive aumenteremo ancora di altri 9 posti letto in grado di accogliere casi gravi da Coronavirus, per giungere a 70 nella Ulss 3”. La seconda buona notizia data dal Direttore Generale Dal Ben nella conferenza stampa svoltasi questa mattina è che aumentano tra i ricoverati i casi di pazienti che migliorano le loro condizioni, e in alcuni casi si avviano, da una situazione estremamente grave, verso l’autonomia respiratoria. Migliora infine il quadro quanto ai vari Reparti ospedalieri che erano stati messi in difficoltà dal passaggio o dalla degenza di pazienti risultati affetti da Coronavirus: al Civile di Venezia la situazione torna, pur nell’incertezza sull’evolvere del contagio, ad una situazione di controllo, anche grazie al progressivo rientro degli operatori “in quarantena”.
Fornendo un nuovo bilancio della Ulss 3, a fine della seconda settimana di emergenza Coronavirus, il Direttore Generale Giuseppe Dal Ben. Il Dg lo ha ricordato quanto è importante rispettare, in questo momento, le buone pratiche come quella dell’isolamento: “Sul sito dell’Istituto Superiore della Sanità – ha detto – studi e ricerche mostrano inequivocabilmente come l’isolamento sociale influisce in maniera piena e forte sul contenimento della diffusione del virus. E sempre in quel sito istituzionale come l’età media dei positivi e dei deceduti riguardi purtroppo persone anziane, dove incidono anche molto la presenza di altre patologie”.
Da quando si è riunita l’Unità di crisi della Ulss 3 nella sede centrale in via Don Tosatto, dalle ore 1.30 di sabato 22 febbraio, la Direzione ha sempre condiviso  quotidianamente informazioni utili sia con la Conferenza dei Sindaci che con le Organizzazioni Sindacali.
I controlli. Nella Ulss 3 ne sono stati eseguiti 2.218 su cui attualmente sono controllate 1.668 persone (620 personale sanitario; 1.048 persone esterne; 119 persone positive).
I casi positivi. Nella Ulss 3 al 7 marzo stati individuati 119 persone positive. Di queste 39 sono ricoverate (16 in terapia intensiva e 23 in altri reparti). Nel dettaglio, nell’Ospedale di Mestre ci sono 23 ricoverati di cui 9 in terapia intensiva e 14 nei reparti; nell’Ospedale di Venezia si registrano 11 ricoverati di cui 4 in terapia intensiva e 7 nei reparti; nell’Ospedale di Mirano 5 ricoverati di cui 3 in terapia intensiva e 2 in reparto. Nessun ricovero a Dolo e a Chioggia. Di questi 39 pazienti ricoverati, 12 hanno tra i 70 e 79 anni e 18 sono over 80.
Gli operatori sanitari. Attualmente nell’Ospedale di Mestre si registrano, a causa di un contatto stretto con una persona positiva al virus, 103 operatori in isolamento. Nell’Ospedale di Venezia sono 63; a Mirano 35 e a Chioggia 22. In tutto, nella Ulss 3 sono attualmente 223 gli operatori in isolamento fiduciario che, qualora arrivasse un nuovo decreto legislativo che permettesse di farli rientrare al lavoro, diventerebbero un importante supporto per gli ospedali, i loro colleghi e i pazienti.
Aurorizzazioni all'assunzione. La Regione Veneto continua a prestare attenzione a questo momento di emergenza e, in particolare, per la Ulss 3, ha dato l’autorizzazione di assumere nuovo personale. Si tratta di 56 nuovi professionisti: 2 biologi, 24 infermieri, 2 tecnici di laboratorio, 1 tecnico della prevenzione, 4 assistenti sanitari, 18 Oss, 5 operatori tecnici. Per i lavoratori, inoltre, l’Azienda sanitaria ha attivato altre forme lavorative come lo smart working.
Potenziamento dei posti letto. Anche nell’Ulss 3, come in tutta la regione, si stanno potenziando i posti letto di Terapia Intensiva, di semintensiva, di Malattie Infettive, quelli più appropriati, cioè, per gestire il percorso di cura dei pazienti affetti da Coronavirus. Da 98 presenti nella Ulss 3 si sta passando a 144. Nello specifico, a Mestre si passa da 44 a 57; a Venezia da 31 a 42; a Dolo-Mirano da 14 a 27; a Chioggia da 9 a 18. Nello specifico delle Terapie Intensive attualmente nella Ulss 3 ci sono 54 posti letto che diventeranno 61 da lunedì 9 marzo e 70 nelle settimane successive.
Informazioni. Si ricorda che esiste un numero regionale per l’emergenza da Coronavirus che è l’800462340. Anche nell’Ulss 3 c’è un numero verde: l’800938811, attivo dalle ore 9.00 alle ore 17.00. A questo numero aziendale stanno chiamando mediamente 20 persone al giorno.
 
Ricerca nel sito