Home > Prevenzione > Screening Oncologici > Screening - FAQ > FAQ screening cervice uterina

FAQ screening cervice uterina

Che cos’è il virus HPV?
L’HPV (papillomavirus umano) è un virus che provoca un’infezione molto frequente, che la maggior parte delle persone prende almeno una volta nella vita.

Che cosa fa questa infezione?
In genere non causa alcuna alterazione e si risolve da sola. In una minoranza di casi provoca delle lesioni a livello del collo dell’utero. La maggior parte delle lesioni guarisce spontaneamente ma alcune, se non curate, progrediscono lentamente verso forme tumorali.  Ci vogliono però molti anni perché le lesioni si trasformino, e solo pochissime delle donne con infezione da papillomavirus sviluppano un tumore del collo dell’utero.

Come si prende?
Si prende per via sessuale, anche se non necessariamente in seguito ad un rapporto sessuale completo. In alcuni casi l’infezione può essere trasmessa da una persona all’altra molti anni dopo che una delle due persone l’ha presa. Il fatto di avere l’infezione può quindi non avere nulla a che fare con l’attuale compagno.

Come si cura?
Non ci sono ancora medicine per curare questa infezione. In particolare, si è visto che non servono gli antibiotici, gli ovuli o le lavande vaginali. La cosa più importante però è identificare in tempo le alterazioni provocate dal virus, che sono quelle che cerchiamo con il Pap test, in caso di test HPV positivo. Quindi partecipare allo screening è la cosa più efficace che una donna possa fare per proteggersi.

Cos’è il Pap test?
E' un esame ginecologico che dura pochi minuti e che, in genere, non è doloroso; viene eseguito da un'ostetrica e consiste in un prelievo di alcune cellule del collo dell'utero che poi saranno esaminate al microscopio alla ricerca di eventuali cellule anormali.

Cos’è il Test HPV?
La modalità di prelievo è analoga a quella del Pap Test. Il prelievo viene esaminato in laboratorio con le tecniche di diagnostica molecolare per la ricerca di virus oncogeni.

A chi è rivolto?
Lo screening del tumore della cervice uterina è rivolto a tutte le donne tra i 25 e i 64 anni che non hanno subito un’isterectomia totale.
Nelle donne dai 25 ai 29 anni viene eseguito un Pap-test.
Nelle donne dai 30 ai 64 anni, viene eseguito test HPV.

Come devo fare per partecipare allo screening?
Il servizio screening dell’AULSS3  invia una lettera di invito a tutte le donne tra i 25 e i 64 anni con giorno, ora e luogo del test. L'esame è gratuito e non è necessaria l'impegnativa del medico curante.

Ogni quanto va ripetuto l’esame?
Il Pap test viene ripetuto ogni 3 anni
Il test HPV ogni 5 anni

Se l'esame risulta positivo, cosa devo fare?
Sarà contattata telefonicamente da un operatore sanitario che le fisserà un appuntamento per eseguire una colposcopia

Che cosa è la colposcopia?
La colposcopia è un controllo simile alla visita ginecologica: il ginecologo usa uno strumento chiamato colposcopio, che serve a illuminare il collo dell’utero e a vederlo ingrandito. Se il ginecologo vede delle alterazioni, fa una biopsia, cioè un piccolo prelievo di tessuto dal collo dell’utero. In genere la colposcopia non è dolorosa. Talvolta dopo la colposcopia si può avere una piccola perdita di sangue che generalmente cessa da sola in poco tempo

Che cosa succederà dopo aver fatto la colposcopia?
Se il suo collo dell’utero risulterà normale o presenterà solo lesioni lievi non avrà bisogno di cure particolari e il ginecologo le indicherà quali controlli fare successivamente. Se invece il ginecologo troverà delle lesioni che necessitano di un trattamento, lei potrà curarle gratuitamente presso un centro specializzato di riferimento del programma di screening aziendale

Vorrei spostare l’appuntamento già fissato, cosa devo fare?
Può telefonare al call center della segreteria screening. La Segreteria risponde al numero verde 800185030 dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00.

E' veramente tutto gratuito?
Si, il test è gratuito e così pure gli eventuali accertamenti fino alla diagnosi

Vuoi saperne di più?
Le 100 domande sull’HPV” (documento GISCi aggiornato al 2018).”
Ultimo aggiornamento: 14/10/2019