Home > Archivio News > Dolo: dopo l'emergenza Covid-19, anche la Chirurgia dell'Ospedale ha ripreso la sua attività

Dolo: dopo l'emergenza Covid-19, anche la Chirurgia dell'Ospedale ha ripreso la sua attività

mercoledì 27 Maggio 2020
“Mai avuto dubbi sulla ripartenza della nostra Chirurgia – spiega il Primario della Chirurgia Generale dell’Ospedale di Dolo, il dottor Mario Godina. “E non per questo è stato meno emozionante, ieri – continua – non solo per me, ma anche per i miei collaboratori, entrare nuovamente in quelle sale operatorie che qui all’Ospedale di Dolo, erano state destinate all’emergenza Covid-19 dopo poco metà marzo”.
“L’Ospedale ha ricoperto in questa emergenza – continua il Primario di Chirurgia – un ruolo importantissimo per il contrasto al Covid-19, di cui andiamo fieri. Noi della Chirurgia generale però sapevamo che il ritorno all’attività nei nostri locali era solo questione di tempo: è stato necessario dedicarli temporaneamente a quest’emergenza nella quale il nostro Ospedale ha ricoperto un ruolo strategico, per la popolazione e per l’Ulss 3 Serenissima. Abbiamo fatto la nostra parte perché siamo dentro una stessa squadra e lo abbiamo fatto per i nostri cittadini”. Ora, la ripresa del servizio, come lo definisce lui stesso, è vissuta pienamente e con soddisfazione anche dai chirurghi, dagli anestesisti, dal personale infermieristico e dagli operatori socio-sanitari.

L’emergenza da Coronavirus non è ancora cessata, ma l’Ospedale di Dolo sta tornando senza incertezze alla normalità e al suo ruolo di ospedale di riferimento per il territorio. Nella prima settimana di maggio è ripresa l’attività radiologica, l’attività poliambulatoriale e quella relativa ai prelievi. La scorsa settimana, poi, è ricominciata l’attività ambulatoriale chirurgica con l’effettuazione di visite, già quasi un’ottantina, per piccoli interventi, quali l’asportazione di neoformazioni cutanee e piccoli lipomi, e gli interventi di questi tipo sono stati.
Nei giorni scorsi, poi, è ripartito anche l’attività del Reparto chirurgico, che riguarda anche i grandi interventi, eseguiti proprio nel Blocco Nord delle sale operatorie, riattivate e funzionanti: “Già da lunedì abbiamo cominciato con degli interventi di tipo oncologico – sottolinea il Primario – e con un intervento in urgenza”, ma tutto è riavviato in vista della chirurgia laparoscopica, che è il fiore all’occhiello di questa Chirurgia, e che laddove si presentano le condizioni viene scelta proprio per la sua mininvasività. 

La Chirurgia di Dolo si distingue, oltre che per la chirurgia oncologica, anche per il trattamento della obesità. “Siamo ripartiti, in queste ore, con le visite dell’Ambulatorio di chirurgia bariatrica, programmando i prossimi interventi”. Si ricorda che, per questo tipo di problematica, sempre più frequente nel mondo occidentale, la Chirurgia di Dolo ha ricevuto l’accreditamento, come Centro Qualificato dalla Società Scientifica Società Italiana Chirurgia Obesità (SICOB). Sono ormai circa sedici anni che il reparto chirurgico di Dolo ha deciso di dedicarsi al tema della chirurgia bariatrica, acquisendo nel tempo una riconosciuta esperienza e competenza. “Il nostro reparto – ha ricordato il dottor Godina – è dotato di un ambulatorio bariatrico ed è adeguatamente attrezzato, a partire dai semplici arredi come il letto di degenza, per ospitare e curare il paziente obeso”. La presa in carico, perché non tutti i pazienti obesi possono accedere all’intervento chirurgico, qui avviene tramite un team multidisciplinare: per poter essere sottoposti al trattamento chirurgico, eseguito in laparoscopia, il paziente deve avere il nulla osta di questa équipe costituita da più figure professionali.
 
Ricerca nel sito