Home > Archivio News > Dal 20 al 23 giugno è allarme caldo: le informazioni dell'Arpav, della Regione Veneto e dell'Ulss 3

Dal 20 al 23 giugno è allarme caldo: le informazioni dell'Arpav, della Regione Veneto e dell'Ulss 3

lunedì 20 Giugno 2022
Gli uffici competenti della Regione Veneto hanno dichiarato per i giorni dal 20/06 al 23/06 lo stato di allarme climatico per disagio fisico per le zone costiera, pianeggiante continentale, pedemontana e montana.
Il bollettino quotidiano dell'Arpav segnala infatti che l'anticiclone subtropicale africano sta portando nella giornata odierne condizioni di afa anomale, anche se non ancora a livelli tali da far sì che il disagio fisico possa definirsi "intenso" a livello giornaliero. "Tuttavia, considerando che nei prossimi giorni l'afa aumenterà raggiungendo livelli significativi - sottolinea l'Arpav - è opportuno già da oggi classificare come 'intenso' il disagio fisico giornaliero su tutte le zone. Per domani, martedì 21 giugno il bollettino annuncia afa in aumento, e la crescita delle concentrazioni di ozono, anche se solo sulle zone pedemontane la qualità dell'aria arriverà ad essere scadente.

Per segnalazioni e informazioni di ambito socio-sanitario è attivo il seguente numero verde 800 535 535 realizzato con la collaborazione del Servizio Telesoccorso e Telecontrollo. Per segnalazioni di eventuali
emergenze di Protezione Civile è attivo il numero verde 800 990 009.

Le buone pratiche per gli anziani (e non solo per loro)
Nel periodo estivo una particolare attenzione va rivolta a tutte le persone anziane. Ai familiari va ricordato che gli anziani sono comunque persone deboli: è importante quindi seguirli, con una visita o con una telefonata. E poiché d’estate è fondamentale la reidratazione costante, e al contrario l’anziano tende a perdere lo stimolo della sete, va verificato che gli anziani abbiano a portata di mano acqua naturale, non troppo fredda, da preferire alle bevande gassate, o dolcificate, o ghiacciate.
I consigli che i medici danno all’inizio di ogni estate sono poi rivolti a tutta la popolazione, e non vanno mai dimenticati durante la stagione estiva:
- evitare le pratiche sportive impegnative sotto il sole;
- non svolgere attività pesanti durante le ore più calde della giornata;
- rinfrescarsi, bere molto per prevenire la disidratazione;
- quando si è all’aperto, portare con sé una bottiglia d’acqua
- consumare pasti leggeri e frequenti con tanta frutta, verdura e qualche gelato.
Attenzione poi agli ambienti:
- chiudere le tapparelle e gli scuri delle facciate della casa esposte al sole
- tenere le finestre chiuse finché la temperatura esterna è elevata
- aprirle alla sera e cercare di favorire le correnti d’aria
- chi ha un’abitazione particolarmente calda colga ogni opportunità per restare almeno due ore in luoghi climatizzati o comunque freschi.
Non dimentichiamo infine di offrire il nostro aiuto alle persone sole, anziane o in difficoltà, che sono vicino a noi.
Ricerca nel sito