I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info

Centri Diurni disabili

Cos'è

Il “Centro Diurno” disabili, è un servizio territoriale a carattere diurno destinato a persone con disabilità in età post – scolare, certificate secondo la normativa vigente, residenti nel territorio di Chioggia, di età compresa dai 18 ai 64 anni, pur potendosi prevedere delle eccezioni per minori di almeno 16 anni che necessitino di un inserimento. Il CD favorisce nei soggetti il mantenimento e lo sviluppo dell’autonomia personale, sociale, e lavorativa, in rapporto alle potenzialità e attitudini individuali, promuovendo una cultura di integrazione nella comunità locale. Modulo organizzativo “fino a 30 ospiti organizzati in gruppi” (ai sensi della L.R. 22/2002 e DGRV n. 84/2007).

A chi si rivolge

Soggetti disabili in età post-scolare, certificati ai sensi della normativa in vigore, con diversi profili di autosufficienza, residenti nel territorio di Chioggia, che necessitano di un percorso educativo - assistenziale, riabilitativo e occupazionale, sulla base di un progetto di inserimento predisposto dalla competente Unità Valutativa Multidimensionale Distrettuale (UVMD), sede di valutazione ai fini dell’accesso alla rete dei Servizi. Viene utilizzato lo strumento della scheda S.Va.M.Di per la valutazione e la presa in carico della persona disabile (DGRV n. 2575/2009 e successivi provvedimenti integrativi).

Obiettivi

Il CDD (centro Diurno Disabili) assicura lo svolgimento di attività educative – assistenziali e occupazionali a favore degli utenti secondo un’ottica riabilitativa tesa a:

  • mantenere e sviluppare l’autonomia personale e sociale dei soggetti inseriti;
  • creare relazioni interpersonali, sociali e culturali con l’ambiente;
  • promuovere nella comunità locale una cultura di integrazione dei soggetti;
  • concorrere con la famiglia nello svolgimento delle funzioni assistenziali ed educative;
  • concorrere alla riduzione del ricorso all’istituzionalizzazione dei soggetti inseriti.
Ultimo aggiornamento: 28-4-2014
Condividi questa pagina: