I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Un dono all’Ematologia dell’Angelo, ricordando Massimiliano Mocchi

Un dono all’Ematologia dell’Angelo, ricordando Massimiliano Mocchi

mercoledì 06 Dicembre 2017
L’unione fa la forza. E quando si tratta di volontariato il valore di questo motto lo si coglie in pieno. Grazie infatti, al forte sentimento di amicizia che li ha legati dall’infanzia fino agli anni di università, gli amici di Massimiliano Mocchi, venuto a mancare per un linfoma nel settembre del 2016, continuano a ricordarlo, anche con iniziative di raccolta fondi destinate al Reparto di Ematologia dell’Ospedale dell’Angelo di Mestre: “Il vostro impegno a sostegno del Reparto è encomiabile – ha detto ringraziandoli il Direttore Generale Giuseppe Dal Ben – ma voglio riconoscere e sottolineare quanto avete fatto anche a suo tempo, affiancando nella malattia Massimiliano, che qui è stato assistito per circa tre anni, e sostenendolo nel lungo periodo della malattia, stringendo relazioni anche con i medici e gli operatori del Reparto, dimostrando una passione per la persona malata che è un esempio per tutti”.

Oggi questo gruppo affiatato di giovani amici trentenni, provenienti per lo più da Campalto dove Massimiliano abitava, ha consegnato al Reparto, nelle mani del Direttore Dal Ben e del Primario Renato Bassan, tre frigoriferi ed un tablet da mettere al servizio dei pazienti ricoverati. La strumentazione donata è stata acquistata con i fondi raccolti nel corso delle due edizioni del torneo di calcio “Pipa di Tabacco” creato in ricordo di Massimiliano e della sua passione per il pallone, e che si tiene i primi giorni di giugno nel campo sportivo di via Sabbadino a Campalto.
In tanti si sono mossi per far sì che il ricordo di Massimiliano, unito alla volontà degli amici di voler dare un contributo concreto alle tante esigenze del Reparto di Ematologia, arrivasse a buon fine. Così ad esempio, la società calcistica del Campalto San Benedetto ha messo a disposizione gratuitamente il campo da calcio in entrambe le edizioni, al pari numerosi genitori che frequentavano Massimiliano e la sua famiglia hanno cucinato durante il torneo e creato occasioni per la raccolta fondi. 
Non da meno la disponibilità del Reparto di Ematologia, che attraverso lo staff medico e le coordinatrici di degenza e dell’ambulatorio, hanno saputo valorizzare la volontà di questi ragazzi destinando al meglio i fondi raccolti.
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito