I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
> > Ottanta bambini e circa ottanta cittadini al giorno sul Treno della Salute del Cuamm a Mestre

Ottanta bambini e circa ottanta cittadini al giorno sul Treno della Salute del Cuamm a Mestre

martedì 05 Dicembre 2017
E’ stata un successo l’iniziativa a cui ha partecipato il 3, 4 e 5 dicembre la Ulss 3 Serenissima, insieme ad altre Ulss venete, intitolata il “Treno della Salute”: un progetto dei medici con l’Africa Cuamm, in collaborazione con Regione Veneto, Ferrovieri con l’Africa e Trenitalia, finalizzata a offrire informazione e prevenzione ai cittadini del Veneto.
Si è trattato di un vero e proprio treno, composto da 5 vagoni, in cui si sono svolte alcune attività, in collaborazione con circa un centinaio di studenti in Scienze infermieristiche e con alcune scuole elementari del territorio.
Il Treno della Salute ha stazionato in tutti i capoluoghi di provincia della Regione Veneto, nel periodo che andava dal 16 novembre all’8 dicembre. E si è fermato nella Stazione di Mestre Venezia nei giorni del 3 - 4- 5- dicembre. In quell’arco di tempo lo hanno visitato una ottantina di bambini provenienti dalle terze elementari e circa un’ottantina di cittadini al giorno.
Come erano organizzati i vagoni:
Nel VAGONE 1 era previsto lo svolgimento di un Laboratorio scientifico sull’alimentazione dedicato ai bambini di 3^ elementare ed è tenuto da personale delle Ulss.
Nel VAGONE 2 si è tenuto un Laboratorio di attività motoria attraverso giochi didattici, sempre dedicato ai bambini di 3^ elementare e sarà gestito da personale del Programma Regionale MuoverSì in collaborazione con la UISP (Unione Italiana Sport Per Tutti).
Il VAGONE 3, gestito dai volontari del CUAMM, era allestito per sensibilizzare i cittadini e per creare un momento di confronto tra la nostra realtà sanitaria e quella di un distretto africano.
Nel VAGONE 4 i visitatori hanno potuto effettuare uno screening gratuito per valutare il proprio rischio cardiovascolare attraverso anamnesi, test (glicemia e colesterolo) e misurazioni; poi ogni utente veniva inviato nel vagone 5, nelle postazioni di counselling, per conoscere strategie per migliorare gli stili di vita non corretti. Lo screening veniva gestito da volontari del CUAMM e da associazioni del territorio (Cuore Amico, Associazione diabetici, ecc)
Nel VAGONE 5 erano previsti i percorsi di counselling sugli stili di vita, tutti tenuti da personale delle Ulss:
  • nella postazione 1 era proposto un ambulatorio di counselling per contrastare il fumo di Tabacco (gestito da Ulss 3);
  • nella postazione 2 era proposto un counselling nutrizionale;
  • nella postazione 3 sono stati illustrati i percorsi di screening oncologici proposti alla popolazione;
  • nella postazione 4 erano presenti specialisti per la Prescrizione dell’Esercizio Fisico.
“Per questa valida iniziativa – ha sottolineato il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – abbiamo messo in campo i professionisti di tutta la Ulss, da Chioggia a Mirano Dolo fino a Mestre Venezia, ciascuno con il proprio bagaglio fatto di professionalità ed esperienza”. “Continuiamo – ha aggiunto il DG – a diffondere il messaggio della prevenzione, che va sempre più a braccetto con la nostra salute, e che si fonda soprattutto su corretti comportamenti di stili di vita dove ciascuno di noi può fare la propria parte dando il buon esempio”.
 
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito